Turismo Estate 2020 Italia: mancano gli stranieri, calo della domanda del -30,4% 3


E’ stata un’estate pesante per il turismo in Italia in tutti i settori, con una lieve crescita della domanda interna che non ha compensato la mancanza degli stranieri: lo rivelano i dati sul turismo per l’estate 2020 che emergono dall’indagine effettuata da Centro Studi Turistici di Firenze per Assoturismo e Confesercenti.

Le rilevazioni si basano su campione di 1.975 questionari compilati da strutture ricettive in tutta Italia.

Dai dati del trimestre giugno-agosto emerge che le presenze nelle strutture ricettive ufficiali sono state 148,5 mln, con un crollo della domanda stimato intorno al -30,4%: -32,6% per il settore alberghiero e -27,5% per l’extra-alberghiero. Come era stato previsto, a mancare è stata la domanda estera, crollata del -65,9% mentre quella italiana ha registrato un lieve aumento, +1,1%: gli italiani hanno preferito le strutture extralberghiere (+5,5%) a differenza degli hotel che hanno registrato una flessione del -1,9%. In generale il calo del fatturato per le aziende del settore è stimato ad un -37,5% rispetto al 2019.

Sapevamo che sarebbe stata un’estate difficile per il turismo in Italia a causa delle conseguenze del Covid 19 e i risultati purtroppo lo hanno confermato – ha commentato Gianfranco Lorenzo, direttore del settore ricerca di CST Firenze – E’ cresciuta la domanda interno che però non ha compensato l’assenza degli stranieri. Questo ha penalizzato soprattutto le Città d’arte mentre mare e montagna sono i prodotti che hanno registrato cali minori sebbene consistenti”.

Il calo maggiore di presenze è stato avvertito nel Nord (Nord Est -34,4%, Nord ovest 34,2%) seguito da Centro (-31,3%) e Sud isole (-20,4%), dove sono cresciute le presente degli italiani (Centro +2,3%, Sud isole +1,5%). I pochi stranieri presenti sono arrivati da Germania, Francia, Olanda, Svizzera, Austria e Regno Unito e hanno preferito soprattutto il Nord e il Centro.

Per quanto riguarda la tipologia di vacanza, tutti i settori registrano cali consistenti: Montagna (-19%) e Balneare (-23,7%) hanno retto meglio grazie alla domanda italiana cresciuta, rispettivamente del +3,9% e del +2,7%. A seguire le Aree rurali (-39,8%), Terme (-38,9%), Laghi (-48,6%) e Città d’Arte (49,6%). Queste ultime hanno praticamente dimezzato le presenza rispetto al 2019. A penalizzarle non solo l’assenza degli stranieri (-70,5%) ma anche il calo degli italiani (-11,9%). In generale è previsto un calo di fatturato per le imprese delle città d’arte del -55,5%, con numeri peggiori nelle maggiori.

Il calo della domanda caratterizza anche le aspettative degli operatori per i mesi di settembre/ottobre: in base alle informazioni fornite dal campione le aziende prevedono un ulteriore calo della domanda del -36,2%, con un -39,4% per le strutture alberghiere e -45,1% per l’extralberghiero. Le perdite maggiori dovrebbero interessare il settore termale -45,6% e le città d’arte -45,1%, seguite da collina -40,6%, laghi -34,8%, mare -28,7% e montagna -23,3%.

Clicca sulla grafica per consultare i dati sul turismo dell’estate 2020 in Italia

Consulta tutti i dati dell’indagine sul trimestre giugno-agosto 2020 nel sito di Assoturismo Confesercenti.


Sai che il settore Ricerca di CST Firenze effettua indagini ed analisi di mercato per Enti e imprese, pubbliche o private? –) Clicca e scopri di più


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

3 commenti su “Turismo Estate 2020 Italia: mancano gli stranieri, calo della domanda del -30,4%

  • lorenzo

    Buongiorno.
    Avrei bisogno di ricevere ( scopo tesi di laurea c/o IULM -Milano )i dati di fatturato ( serie storica dal 2014 incluso anno 2020) dell’industria turistica nelle seguenti regioni:
    Toscana
    Trentino Alto Adige
    qualora fosse possibile anche disaggregate a livello provinciale/comunale
    Inviare risposta al seguente e-mail :
    lory.casati@outlook.it

    Grazie e cordiali saluti
    Lorenzo Casati

    • CST

      Salve Lorenzo,
      scusa il ritardo nella risposta ma non avevamo ricevuto notifica del tuo commento.

      Per questo genere di richieste ti consigliamo di rivolgerti direttamente alla Regione Toscana,
      che saprà fornirti tutte le informazioni in merito.
      Per maggiori chiarimenti puoi scriverci a info@cstfirenze.it

      Grazie e buona giornata!