Turismo e sport: il 17,9% dei turisti sceglie l’Italia per fare sport


convegno pisa città europea dello sport 2016

Turismo e sport, un binomio che caratterizza sempre più i viaggi del XXI secolo e sul quale la Toscana sceglie di investire: è quanto emerso nel corso del convegno “Lo sport per il turismo attivo a Pisa e in Toscana” che si è tenuto il 19 marzo scorso all’Hotel Galilei di Pisa, organizzato da Regione Toscana, Toscana Promozione e Coni, nell’ambito delle iniziative per Pisa città europea dello sport 2016.

Al convegno erano presenti Stefano Ciuoffo, assessore al turismo della Regione Toscana, Salvatore Sanzo, presidente Coni Toscana, Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione, Alessandro Tortelli di CST Firenze e numerosi rappresentanti di associazioni di categoria e operatori turistici.

slides cst turismo e sport

“Il turismo di nicchia o esperienziale è in crescita secondo l’Osservatorio Nazionale del Turismo – ha dichiarato Alessandro Tortelli, presentando i dati di Toscana SporTurismo, sul turismo sportivo in Italia e all’estero – Passioni e interessi caratterizzano sempre di più l’offerta turistica e lo sport è tra le passioni più diffuse.”

In particolare CST Firenze ha stimato che nel 2014 il 17,1% dei turisti italiani e il 18,6% degli stranieri ha scelto di trascorrere vacanze in Italia all’insegna dello sport, per il 17,9% del totale dei turisti.

Oltre a ribadire le difficoltà legate alle statistiche ufficiali, che ancora non tengono conto delle motivazioni di viaggio, nel suo intervento Tortelli ha sottolineato come il turismo sportivo sia caratterizzato da una maggiore capacità di spesa che ricade su più settori.

“Secondo l’Osservatorio sul Turismo Sportivo, oltre metà della spesa del turista sportivo (52%) riguarda imprese ricettive e ristorazione ma ci sono ricadute importanti anche per attività ricreative e culturali (24%) e per il settore agroalimentare (13%)”

alessandro tortelli

Molto importante anche l’aspetto legato alla gestione del rapporto turismo e sport da parte dei singoli territori.

“Secondo un sondaggio che abbiamo realizzato, il 98% degli stakeholders ha dichiarato che avere un unico playmaker del turismo sportivo rappresenterebbe un valore aggiunto per il territorio – ha concluso Tortelli – Un soggetto unico cioè con il quale pianificare strategie, curare l’organizzazione di eventi e la loro promozione”

Guarda le slides di SporTurismo di Alessandro Tortelli

alberto peruzzini

Se lo sport rappresenta un’opportunità sempre maggiore per il turismo, la Toscana è pronta a coglierla.

“I dati ci dicono che nel periodo 2008-15 in Toscana abbiamo assistito ad una crescita del 20% dei flussi turistici da attività sportive e che questi hanno generato un volume di affari di 800 milioni di euro – ha dichiarato Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione, nel suo intervento riassunto nel sito di Toscana Promozione – Ecco perchè uno degli asset principali del nostro piano 2016 riguarda proprio turismo e sport, vista anche la capacità di spesa maggiore di questo settore riscontrata in Toscana”.

Come mostrato nelle slides realizzate da CST per Toscana Promozione e nelle quali sono state analizzato le diverse componenti del turismo sportivo in Toscana, la stima di crescita dei flussi turistici legati allo sport per il 2016 è del +4%, grazie anche all’aumento degli eventi sportivi.

Guarda le slides di SporTurismo di Alberto Peruzzini

hotel galilei convegno turismo e sport

Nel dibattito che è seguito agli interventi, operatori del settore e rappresentanti di categoria si sono confrontati su problemi e opportunità del binomio turismo e sport.

Se da una parte è stata richiesta una maggiore capacità imprenditoriale ai singoli soggetti che operano nel turismo, dall’altra sono state fatte presenti difficoltà burocratiche legate, ad esempio, all’organizzazione di eventi e alla necessità di formazione per migliorare le professionalità del settore.

stefano ciuoffo

“Stiamo lavorando per migliorare la gestione del turismo in Toscana che deve ripartire proprio dalla promozione dei singoli territori e lo sport rappresenta una grande occasione – ha concluso l’assessore regionale al turismo, Stefano Ciuoffo – A questo proposito ci sono destinazioni mature dal punto di vista turistico che si sono rilanciate grazie ad un nuovo profilo sportivo: è un’offerta che si rafforza non solo con i grandi eventi, ma facendo crescere lo sport di base ed amatoriale, a cominciare dalla cura del territorio e dalla manutenzione degli impianti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.