BTO 2021: dati e nuove tecnologie al servizio delle Destinazioni


BTO 2021 a Firenze

Dati e nuove tecnologie per rendere le destinazioni sempre più accoglienti, personalizzate e sostenibili: è questa una delle principali tendenza per le destinazioni turistiche emerse nel corso di BTO 2021, evento dedicato al turismo on e off line che si è tenuto a Firenze dal 24 al 30 novembre.

Quattro i main topic ai quali sono stati destinate singole giornate di lavoro, tra presenza e streaming: digital innovation, destination, food&wine, hospitality.

Al programma della giornata “Destination” ha contribuito anche il Centro Studi Turistici di Firenze. Numerosi gli incontri che hanno permesso di affrontare diverse tematiche: tra le principali, l’importanza dell’utilizzo dei dati, la sostenibilità, e il concetto di wellness nel viaggio.

Dati al servizio delle Destinazioni per servizi e sostenibilità

nuove tecnologie per feel florence a BTO 2021

Vivere l’autenticità dei territori, mettendo in connessione e promuovendone gli attrattori grazie all’innovazione tecnologica: a questo stanno lavorando molte destinazioni per venire incontro alle nuove esigenze dei viaggiatori.

Tra gli esempi internazionali portati a BTO 2021, c’è il progetto europeo Herit Data sul turismo sostenibile e big data, al quale partecipa anche Regione Toscana. Avviato nel 2018, il progetto ha l’obiettivo di ridurre l’impatto dei flussi turistici nelle grandi città e, nonostante lo stop imposto dal Covid, prosegue tutt’oggi grazie all’analisi dello storico.

Cinque i siti pilota interessati: si tratta di città e aree di interesse archeologico e culturale, in Croazia, Francia, Grecia, Italia e Spagna. L’obiettivo è creare un sistema di rilevazione dati, attraverso diversi strumenti (dalle telecamere alle celle telefoniche), che consenta di fornire informazioni per indirizzare i flussi turistici in tempo reale.

Un esempio è Pont du Gard, sito naturalistico UNESCO in Francia. Si tratta di 160 ettari di interesse naturalistico e culturale, con una media di visitatori all’anno che va dagli 850.000 a 1 milione. Grazie al sistema di monitoraggio degli ingressi e all’apparato di webcam è possibile avere una visione dell’intera area in tempo reale, attraverso una app dedicata. I visitatori possono quindi valutare il momento migliore per accedere alle varie aree del sito e goderlo pienamente evitando affollamenti. Allo stesso tempo i dati raccolti possono servire per prendere decisioni strategiche, come ad esempio pianificare gli arrivi dei bus turistici.

Anche la città di Firenze partecipa al progetto Herit Data, attraverso il sistema di monitoraggio dei flussi turistici collegato al sito e alla app Feel Florence. A partire dal 1 dicembre verrà messa online la nuova versione web e sarà possibile grazie ad un pop up suggerire mete alternative ai turisti, in caso di affollamento. Inoltre sempre dal 1 dicembre, Feel Florence attiverà il nuovo sistema di chat h24 con l’obiettivo di fornire un servizio sempre più puntuale al turista o al cittadino.

Ecosistemi digitali per creare insieme nuovi prodotti turistici

francecso tapinassi e francesco palumbo presentano il dms di regione toscana

Dati e nuove tecnologie al servizio anche delle Regioni italiane per migliorare l’offerta turistica.

Se Puglia e Trentino stanno lavorando ad una sempre maggiore profilazione degli interessi del turista per offrire esperienze personalizzate e fidelizzare, la Regione Toscana è pronta a varare nei prossimi mesi un nuovo DMS, Destination Management System con l’obiettivo da un lato di migliorare la fruizione dei dati da parte del pubblico e dall’altro di coinvolgere ancora di più i singoli territori nella creazione dei prodotti.

Il nuovo sistema sarà composto da più applicativi e database, a partire dalla piattaforma MAKE che al momento coinvolge già i 28 Ambiti turistici toscani nella creazione dei contenuti digitali del portale Visittuscany. A partire da marzo 2022 verrà lanciata la piattaforma MAKE IAT destinata ai 280 uffici di informazione turistica della regione, che saranno così messi in rete e potranno condividere dati e informazioni.

Secondo il direttore di Fondazione Sistema Toscana, Francesco Palumbo, l’intero DMS della Regione Toscana sarà completato per la prossima BTO.

Wellness, motivazione di viaggio sempre più importante

wellness a viaggi a BTO 2021 con Sandro Billi

Tra le nuove tendenze di viaggio, rafforzate dall’esperienza della pandemia e con le quali le destinazioni dovranno confrontarsi, c’è quella del wellness, inteso ormai come stile di vita.

Come emerso durante il panel organizzato da Side Note, in collaborazione con CST Firenze e Global Wellness Institute, il concetto di benessere è ormai legato ad una serie di elementi, che possono essere sintetizzati in cinque assi: salute, alimentazione, socializzazione, assistenza ed esperienza.

Secondo un’indagine del Global Wellness Institute, dopo la pandemia il wellness è sempre più una motivazione di viaggio sia primaria che secondaria. Secondo GWI, l’87% degli intervistati ha ammesso di essere intenzionato a fare una vacanza entro i successivi 12 mesi e ben il 76% vuole includere una componente legata al benessere. Se per il 13% la motivazione deve essere primaria, per il 63% deve rappresentare un elemento del viaggi.

L’obiettivo principale per un viaggio legato al benessere è combattere lo stress, seguito da mantenere il proprio benessere generale, e migliorare il benessere mentale. Le principali aspettative del turista che intraprende un viaggi di benessere sono la connessione con la natura (72%), la scoperta del cibo locale di qualità (45%), le attività outdoor (42%).

BTO 2021: tutti i panel online a fine evento

BTO 2021 ha visto la partecipazione di oltre 200 speaker da tutto il mondo, tra appuntamenti in presenza e in streaming.

I video di tutti i panel delle 4 giornate saranno resi disponibili a tutti gli iscritti sulla piattaforma dell’evento a partire dai prossimi giorni.

Per maggiori info, clicca qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.