Bonus 80%, fondo perduto e rotativo: i provvedimenti del PNRR per le strutture ricettive 4


Efficienza energetica, digitalizzazione ma anche manutenzione straordinaria e ristrutturazione edilizia: sono alcuni degli interventi destinati alle strutture ricettive che potranno essere finanziati grazie alle nuove misure adottate dal Governo.

I provvedimenti rientrano tra quelli stabiliti dal PNRR, Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, per il comparto del turismo (DL 152/2021 convertito al 29.12.2021).

In particolare sono 3 i provvedimenti destinati alle strutture ricettive e non solo.

Credito imposta o bonus 80% e contributo a fondo perduto

E’ un contributo sotto forma di credito di imposta (detto bonus) fino all’80% delle spese sostenute a decorrere dal 1 gennaio 2022 e fino al 31 dicembre 2024.

Possono richiedere il bonus 80% imprese alberghiere, agriturismo, strutture ricettive all’aria aperta e imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale per interventi di:

  • incremento dell’efficienza energetica e di riqualificazione antisismica;
  • eliminazione delle barriere architettoniche;
  • interventi edilizi;
  • realizzazione di piscine termali e acquisizione di attrezzature e apparecchiature per lo svolgimento delle attività termali;
  • interventi di digitalizzazione.

Sempre per gli stessi interventi e per lo stesso periodo di tempo è stato stanziato anche un contributo a fondo perduto del 50% sulle spese sostenute. Il contributo parte da 40 mila euro e può arrivare fino a 100 mila euro.
 
A questi possono aggiungersi 30 mila euro per spese inerenti alla digitalizzazione ed innovazione delle strutture in chiave tecnologica ed energetica, per almeno il 15% sul totale della spesa, e fino ad ulteriori 20 mila euro nel caso in cui la società abbia una presenza di giovani o donne

Tutte le informazioni per presentare la domanda sono disponibili sul sito del Ministero del Turismo.

Fondo rotativo imprese

Oltre al credito d’imposta e al fondo perduto, è previsto anche un fondo rotativo per investimenti di importo compreso tra 500.000 e 10 mln di euro, che coprirà fino al 35% delle spese e dei costi ammissibili per interventi realizzati entro il 31 dicembre 2025. I beneficiari sono gli stessi del credito 80% e del fondo perduto.

Anche in questo caso le modalità per presentare domanda saranno pubblicate sul sito del Ministero del turismo.


Sai che CST offre consulenza e servizi alle strutture ricettive? Dagli studi di fattibilità ai check up aziendali fino all’analisi della brand reputation.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

4 commenti su “Bonus 80%, fondo perduto e rotativo: i provvedimenti del PNRR per le strutture ricettive

    • CST

      Salve Daniela,
      per maggiori informazioni può contattare direttamente i nostri uffici,
      chiamando al numero 055.3438733 o inviando una mail a info@cstfirenze.it
      Grazie a lei e buona giornata!

    • CST

      Salve Teo,
      l’elenco delle strutture ammesse prevede:imprese alberghiere, agriturismo, strutture ricettive all’aria aperta e imprese del comparto turistico, ricreativo, fieristico e congressuale.