Affitti turistici a Firenze: quasi 1.800.000 presenze registrate nel 2017


Una crescita media annua del +12,9% di arrivi e del +8,5% di presenze in diciassette anni e un’incidenza dei pernottamenti pari al 66,3% sul totale delle strutture extralberghiere fiorentine: sono i numeri degli affitti turistici a Firenze, ovvero delle strutture ufficiali con caratteristiche di civile abitazione messe a disposizioni dei turisti, secondo quanto rilevato dal Centro Studi Turistici.

I dati degli affitti turistici nelle strutture con caratteristica di civile abitazione, ovvero affittacamere, alloggi privati, case vacanze, residence e residenze d’epoca, sono stati elaborati da CST all’interno dell’Osservatorio turistico di destinazione del Comune e presentati in occasione del primo incontro ufficiale tra Host e Amministrazione Comunale, promosso dall’associazione MyGuestFriend.

L’incontro si è tenuto il 20 marzo nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio: oltre 350 host fiorentini hanno incontrato il sindaco, Dario Nardella, l’assessore al turismo, Anna Paola Concia, l’assessore al bilancio, Lorenzo Perra, il dirigente della Regione Toscana, Stefano Romagnoli e Alessandro Tortelli, direttore di CST Firenze.

Affitti turistici a Firenze: nel 2017 il settore ha inciso per il 66,3% sull’extralberghiero

Nel 2017 i flussi turistici ufficiali a Firenze hanno raggiunto i 3.883 mln di arrivi per 10.203 mln presenze. Negli ultimi diciassette anni la crescita media annua degli arrivi nel capoluogo toscano è stata del +1,9% mentre le presenze hanno registrato un +2,4%. La crescita maggiore è stata quella del mercato straniero (+58,2%) e la spesa complessiva generata dall’intera domanda turistica è stimata in oltre 2 mln di euro (dati 2013).

Per quanto riguarda i pernottamenti, dal 2000 ad oggi le strutture alberghiere hanno registrato una crescita del +37,2%, con oltre 2 mln di pernottamenti, mentre le extralberghiere del +93,4% con una crescita di oltre 1.200 mln di presenze.

Per quanto riguarda la domanda di affitti turistici a Firenze in strutture di civile abitazione, nel 2017 gli arrivi registrati sono stati circa 600.000 per quasi 1.800.000 presenze. La crescita media annua registrata tra 2000-2017 è stata addirittura del +629%, pari a 524.000 arrivi in più mentre le presenze sono cresciute del +300%, pari ad oltre 1.300 mln in più.

L’incidenza dei pernottamenti in queste strutture rispetto al totale del comparto extralberghiero fiorentino è passata dal 32% al 66,3%.

Offerta ricettiva a Firenze nel 2017: Hotel a 4/5 stelle e affitti turistici

Se nel 2000 i posti letto in strutture alberghiere rappresentavano il 78,4% del totale, nel 2017 questa cifra è scesa al 64,2%; viceversa i posti letto nell’extralberghiero sono cresciuti dal 21,6% del 2000 al 35,8% di oggi.

In generale, la dimensione media delle strutture ricettive fiorentine, in diciassette anni, è passata da 51,8 posti letto per esercizio a 29,3 posti letto. In particolare, l’offerta alberghiera risulta cresciuta del +11,1% per le strutture ma con differenze nei vari settori: a crescere sono stati gli Hotel a 5-4 stelle (+60,3%) mentre le strutture ad 1-2 stelle sono calati del -10,5%.

Per quanto riguarda l’offerta extralberghiera, invece, le strutture sono cresciute del +375,8%, registrando oltre 1000 nuove attività per oltre 11.000 posti letto: di questi il 35,6% sono affittacamere e alloggi privati, il 29% case vacanza, residenze d’epoca e residence. Nel 2017 sono risultati attivi a Firenze 617 affittacamere, 305 alloggi privati, 251 case vacanza, 69 residenze d’epoca, 28 residence: il tasso di crescita delle strutture tra 2000-2017 è stato del 10,5% di media annua.

L’incidenza degli affitti turistici in strutture ufficiali con caratteristiche della civile abitazione sul totale extralberghiero è cresciuta dal 38,4% del 2000 al 64,6% del 2017.

“In questi diciassette anni abbiamo assistito ad una vera e propria emersione del fenomeno degli affitti turistici a Firenze, che ci ha permesso di poter finalmente iniziare a monitorarli – ha spiegato Alessandro Tortelli, direttore CST Firenze – Quello che emerge è la conferma di numeri importanti che è bene siano messi a conoscenza degli amministratori per permettere loro di impostare politiche migliori di gestione del turismo a Firenze”.

Ad incidere in questi anni sull’evoluzione dell’offerta ricettiva a Firenze è stato anche l’avvento di internet e di portali come Booking e Airbnb: oggi Airbnb conta 8.887 annunci a Firenze, di cui ben 6650 riguardano appartamenti, 2185 stanze private e 52 stanze condivise; per quanto riguarda Booking, invece, le strutture online risultano 3842 di cui 415 hotel, 2791 appartamenti, 337 B&B, 271 affittacamere, 38 residence, 22 ostelli, 13 alloggi famiglia, 6 case campagna e 5 agriturismi.

Consulta il riassunto delle slides sui dati Firenze Host

Comune di Firenze e Host a confronto per avviare un dialogo

Da tempo Regione Toscana e Comune di Firenze hanno avviato azioni per normare gli affitti turistici a Firenze: il capoluogo toscano ha siglato lo scorso anno un accordo con Airbnb per la riscossione dell’imposta di soggiorno, al momento in fase di sperimentazione.

Quello a Palazzo Vecchio è stato il primo incontro ufficiale tra amministratori ed Host ed ha permesso di condividere opinioni e idee tra gli interlocutori.

Se il Comune ha chiesto il coinvolgimento degli Host in iniziative, come la campagna #EnjoyRespectFirenze e la promozione delle aree meno note della città, dal conto loro gli Host hanno avanzato richieste di vario tipo: dall’estensione dell’accordo realizzato con Airbnb anche ad altre Ota, ad una maggiore informazione da parte del Comune su servizi e offerte turistiche del territorio, oltre ad una migliore rendicontazione degli investimenti realizzati con l’imposta di soggiorno.

Il Comune di Firenze ha invitato gli Host fiorentini a rimanere in contatto scrivendo all’indirizzo promozione.turistica@comune.fi.it per inviare idee, suggerimenti ma anche rivolgere domande agli amministratori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.